Arditi

Arditi era il nome adottato dalle truppe d'assalto d'elite del Regio Esercito nella prima guerra mondiale. Il loro nome deriva dal verbo italiano ardire, che si traduce in "osare".

I Reparti d'assalto furono formati nell'estate del 1917 dal colonnello Bassi, con il ruolo tattico di truppe d'assalto che sfondavano le difese nemiche per aprire la strada a un'ampia avanzata della fanteria. Gli Arditi non erano unità che facevano parte delle divisioni di fanteria, ma erano considerati come rami separati.

I Reparti d'assalto ebbero successo nel fornire un certo grado di movimento in quella che era stata precedentemente una guerra di trincea. Le loro azioni sul campo di battaglia furono esemplari e gli valsero un posto meritato nella storia militare italiana. Furono smobilitati nel 1920.

Il nome Arditi fu poi utilizzato nel 1919-1920 dagli occupanti italiani di Fiume sotto il comando di Gabriele D'Annunzio, la maggior parte dei quali erano ex soldati del Regio Esercito. Indossavano un'uniforme con una camicia nera e un fez nero, che fu poi adottata dalle camicie nere di Benito Mussolini.

Dal 1° ottobre 1975, la bandiera del X° Reggimento Arditi (formato nel 1942 a imitazione del IX° Nucleo d'Assalto della prima guerra mondiale) è stata adottata dal IX Reggimento d'Assalto Paracadutisti Col Moschin. Fino ad oggi, i membri del Col Moschin e i sommozzatori militari italiani sono conosciuti come "Arditi Incursori", essendo visti come gli eredi degli Arditi della prima guerra mondiale.

La prima guerra mondiale

L'idea degli Arditi risale al 1914, quando ad ogni reggimento del Regio Esercito fu ordinato di creare un gruppo di esploratori addestrati ad operare dietro le linee nemiche. Le prime unità di Arditi sono state formate e addestrate a Sdricca di Manzano, in provincia di Udine, dove la manifestazione si tiene l'ultima domenica di luglio.

Altri sostengono che le cosiddette "Compagnie della Morte", pattuglie speciali di fanteria e ingegneri incaricate di tagliare o far esplodere il filo spinato nemico, dovrebbero essere considerate i precursori degli Arditi. Erano facilmente riconoscibili per l'uso dell'armatura e dell'elmo "Farina". L'uso di esplosivi per questo scopo ha comportato inutili sacrifici per i membri di queste unità.

Il compito delle unità degli Arditi non era quello di aprire la strada alla fanteria regolare per attaccare le linee nemiche, ma di superarle completamente. Furono scelti i volontari più audaci, soprattutto quelli che non erano disturbati dal forte rumore delle granate che cadevano e che esplodevano a distanza ravvicinata. Gli uomini studiavano anche la scherma ed erano maestri nel combattimento corpo a corpo. Una volta addestrati, venivano mandati al fronte armati di pugnale e bombe a mano. L'unità tipica aveva 13 ufficiali e 400 soldati, tratti da volontari. Un'unità di Arditi fu completamente spazzata via mentre attaccava il Monte Osvaldo nell'aprile 1916.

Nel 1916, il Comando Supremo decise di concedere uno status speciale alle unità Arditi, ma era riluttante a creare nuove unità. L'insegna degli Arditi, indossata sul braccio sinistro, includeva il monogramma VE (per Vittorio Emanuele III d'Italia) ed era concepita esclusivamente come simbolo di distinzione per questi soldati. Questo fu il primo uso ufficiale della parola "Arditi" nel Regio Esercito.

Fondazione e operazioni

Nel 1917, su proposta di giovani ufficiali stanchi dello spargimento di sangue della guerra di trincea, si formarono unità d'assalto all'interno della 48ª Divisione dell'VIII Corpo, sotto il comando del capitano Giuseppe Bassi. Nel marzo 1917, il Comando Supremo italiano inviò una circolare che informava della formazione delle unità speciali austro-ungariche.

Dopo una valutazione positiva, si decise di fondare le nuove unità speciali, ma i disaccordi sull'equipaggiamento e l'addestramento ritardarono l'inizio delle operazioni fino al 29 luglio 1917, quando il re Vittorio Emanuele III approvò ufficialmente la creazione delle unità Arditi.

Le nuove unità d'assalto furono formate e sviluppate indipendentemente, con un addestramento distinto da quello dei soldati regolari. L'esercito tedesco fu il primo ad adottare l'idea delle truppe d'assalto con le Sturmtruppen, e gli italiani seguirono l'esempio. Come già detto, una scuola di formazione è stata fondata a Sdricca di Manzano, in Friuli. Le prime unità di Arditi furono create nella 2a Armata e al tempo della Battaglia di Caporetto, c'erano 27 unità, anche se solo una manciata vide effettivamente il combattimento. In totale, circa 18.000 uomini costituivano le unità degli Arditi. Molti di loro presero parte alla battaglia del Piave, dove l'avanzata delle truppe austro-ungariche fu fermata. Gli Arditi attraversavano a nuoto il Piave, stringendo un pugnale tra i denti e assaltando le posizioni tedesche e austriache sull'altra sponda. Questi uomini divennero noti come i Caimani del Piave. Poiché l'uniforme austriaca aveva un colletto rigido, i "Caimani" preferivano usare una resolza, il tipico coltello sardo della città di Pattada, poiché la sua lama poteva facilmente penetrare il colletto dell'uniforme nemica (altre unità Arditi usavano un semplice pugnale). Oggi, l'insegna del commando COMSUBIN presenta un alligatore che porta un pugnale tra i denti. Questo emblema è stato scelto per onorare la memoria dei Caimani del Piave.

Nel giugno 1918, una divisione completa di truppe d'assalto con nove unità fu posta sotto il comando del maggiore generale Ottavio Zoppi, che fu poi ampliata in un Corpo d'Armata con dodici unità in due divisioni. Alla fine della guerra c'erano 25 unità d'assalto, la maggior parte delle quali classificate come Bersaglieri.

Gli Arditi contribuirono alla maggior parte della battaglia di Vittorio Veneto, rendendo possibile la vittoria finale sulle armate austriache nel novembre 1918. Nel gennaio 1920, poco dopo la fine della guerra, tutte le unità furono sciolte.

Formazione

Inizialmente i soldati si offrirono volontari, ma in seguito i comandanti delle unità scelsero i soldati adatti per essere trasferiti nelle unità degli Arditi. Gli Arditi erano solitamente reclutati dai Bersaglieri o dagli Alpini (due unità speciali italiane, i cui soldati erano noti per la loro resistenza e forza fisica). Dopo aver superato prove di forza, abilità e psicologiche, le reclute sono state addestrate all'uso delle armi e a nuove tattiche di attacco. Venivano anche istruiti nel combattimento corpo a corpo, con o senza armi (secondo le tecniche del "Fiore di battaglia" sviluppate nel Medioevo), supportate da un continuo allenamento fisico.

Gli Arditi erano particolarmente addestrati nelle bombe a mano, nel tiro a segno e nell'uso di lanciafiamme e mitragliatrici. L'addestramento era molto realistico, dato che diversi uomini morirono durante l'addestramento di base: molti di loro furono uccisi da schegge di granate a mano, dato che la loro procedura operativa era quella di andare subito all'assalto subito dopo aver lanciato una granata. L'addestramento rigoroso degli Arditi, il loro spirito di squadra e l'audacia, così come i privilegi di cui godevano, ne fecero un corpo d'élite, ma crearono anche un clima di diffidenza e rivalità con gli ufficiali delle altre unità dell'esercito regolare. Tuttavia, la loro abilità militare gli ha fatto guadagnare il rispetto per essere in grado di risolvere sul campo di battaglia situazioni che erano tatticamente impossibili per le unità dell'esercito regolare.

Reginaldo Giuliani, un prete cattolico e un Ardito, scrisse diversi libri sulle loro esperienze, tra cui Croce e spada.

Uniforme

L'uniforme degli Arditi reclutati dalle unità di fanteria dell'esercito regolare consisteva in una casacca da Bersagliere con fiamme nere sull'insegna del bavero. Gli Arditi reclutati dagli Alpini portavano delle fiamme verdi sui distintivi del bavero, e gli Arditi reclutati dai Bersaglieri portavano delle fiamme scarlatte. Indossavano anche un pullover verde scuro e portavano un fez nero identico a quello dei Bersaglieri (anche se i Bersaglieri portavano un fez scarlatto), così come i pantaloni. Da queste uniformi e da altre insegne, che indicavano l'unità di provenienza, venne la distinzione tra le Fiamme Rosse (Arditi Bersaglieri), le Fiamme Nere (Fanteria Arditi) e le Fiamme Verdi (Arditi Alpini). Le Fiamme Rosse erano talvolta chiamate Fiamme Scarlatte.

Molte delle insegne e dei simboli degli Arditi furono poi adottati dal regime fascista, come l'insegna di un teschio con un pugnale tra i denti. Gli antifascisti Arditi del Popolo avevano le loro insegne (un teschio con occhi rossi e un pugnale tra i denti). Il loro grido di battaglia era A Noi, che si traduce come "Per noi!" e può essere interpretato come un desiderio di gloria e di vittoria.

Attrezzatura

L'equipaggiamento abituale degli Arditi era il pugnale per il combattimento ravvicinato e le bombe a mano. Le granate erano usate per creare panico e confusione, oltre che per il loro effetto esplosivo. La granata Thevenot era usata frequentemente dagli Arditi perché era adatta agli assalti, non essendo troppo potente, ma abbastanza rumorosa da causare paura nel nemico. Altre armi utilizzate erano mitragliatrici e lanciafiamme. Gli Arditi avevano anche cannoni da 37 mm e 65 mm contro casematte e fortificazioni.

Nel Museo del Risorgimento di Torino, nella sala dedicata alla resistenza antifascista, sono esposti un pugnale e una bomba a mano degli Arditi del Popolo. A causa della mancanza di risorse, i primi pugnali sono stati fatti da un lotto in eccedenza di baionette da fucile Vetterli M1870. Ogni baionetta è stata tagliata a metà e trasformata in due pugnali.

Sotto il regime fascista

Nel dopoguerra della prima guerra mondiale, molti Arditi aderirono all'Associazione Nazionale Arditi d'Italia (ANAI), fondata dal capitano Mario Carli, che era coinvolto nel movimento artistico del Futurismo. Carli scrisse il saggio "Gli Arditi non sono gendarmi" in collaborazione con Filippo Tommaso Marinetti.

Un gran numero di Arditi aderì al movimento fascista, ma il loro sostegno non fu unanime, come dimostrano gli Arditi del Popolo, una scissione dall'ANAI che privilegiava il massimalismo socialista. In ogni caso, la maggior parte degli Arditi che aderirono all'ANAI trasferirono la loro fedeltà alla Federazione Nazionale Arditi D'Italia (FNAI), fondata da Mussolini il 23 ottobre 1922. L'ANAI fu poi sciolta.

Gli Arditi erano attivi nel colpo di stato di Gabriele D'Annunzio nella città di Fiume (oggi Rijeka in Croazia). Quando il suo piano originale di annessione italiana fu respinto dal governo di Roma, D'Annunzio proclamò la fondazione della "Reggenza italiana del Carnaro". Con il sindacalista Alceste De Ambris, D'Annunzio promulgò una costituzione, la Carta del Carnaro, che conteneva elementi fortemente progressisti o addirittura radicali. Il 25 dicembre 1920, i soldati del Regio Esercito misero fine alla "reggenza" di breve durata dopo brevi scontri.

Gli Arditi del Popolo

La sezione romana dell'ANAI, in contrasto con il forte ma non ancora consolidato movimento squadrista fascista, divenne gli Arditi del Popolo, un gruppo paramilitare chiaramente antifascista. I suoi membri erano anarchici, comunisti e socialisti. I comunisti costituivano la maggioranza, ma vi erano anche componenti repubblicane, come Vincenzo Baldazzi (che ne fu uno dei leader) e talvolta, come nella difesa di Parma, militanti del Partito Popolare (cattolico), come il consigliere Corazza, morto a Parma durante gli scontri con le forze fasciste. Il movimento nacque nell'estate del 1921 grazie al lavoro di Argo Secondari, un ex tenente Arditi "Fiamma Nera" della Fanteria e un anarchico. La forza di queste formazioni paramilitari era di 20.000 uomini arruolati, tra questi ex combattenti, che erano neutrali o fortemente antifascisti.

Forse l'evento più notevole fu la difesa di Parma contro lo squadrismo fascista nel 1922: circa 10.000 squadristi, prima al comando di Roberto Farinacci e poi di Italo Balbo, dovettero ritirarsi dalla città dopo 5 giorni di scontri contro un gruppo composto da socialisti, anarchici e comunisti (350 presero parte alla battaglia contro i fascisti), comandati dai capi degli Arditi del Popolo Antonio Cieri e Guido Picelli. I fascisti persero 39 uomini, gli Arditi del Popolo cinque.

Nei mesi successivi, molti leader degli Arditi del Popolo furono imprigionati o uccisi dalle squadre fasciste, a volte in collusione con le agenzie di polizia.

© 2022 incursoriesercito.com